Abbiamo corso in lungo e largo in questi giorni per affermare un progetto politico collettivo e plurale. Un fronte ampio di forze, esperienze e pratiche quotidiane per dare un contributo originale e sincero a partire dai nostri quartieri. Una sinistra che sa essere squadra senza annacquarsi, senza doversi trovare in piccoli accordi, ma per continuare a fare. Sostenere chi si impoverisce lavorando, aiutare chi sta rimanendo indietro, immaginare tutta la bellezza di questo pezzo di città in cui siamo nati e cresciuti. La cosa più bella è essere tornati a incontrarci. Carla, una donna mai vista prima, mi ha detto “mi hai fatto un bellissimo regalo”. Per un volantino ricevuto e qualche parola scambiata. Ecco il nostro posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *